All’asta alcuni scritti di Steve Jobs e un Apple-1 funzionante

Apple IPrima di diventare l’ideatore dell’iPhone e leader di una grande multinazionale tecnologica come Apple, il giovane Steve Jobs lavorava presso Atari.

Negli anni 70 Atari lavorava già nel campo dei videogame  e un diciannovenne Jobs si occupava del miglioramento del design di questi cabinati, antenati delle attuali console.

Il documento, datato 1974, riporta alcune notazioni di Steve Jobs inerenti a un cabinato in fase di sviluppo chiamato World Cup. Inoltre, nei quattro fogli messi all’asta, sono presenti alcuni dettagli grafici disegnati a mano da Jobs stesso.

Foto Apple I Clicca le foto per ingrandirle

Sotheby, la casa d’aste newyorkese, stima che il documento in questione valga tra i 10 e i 15 mila dollari.

Ma non è l’unico pezzo di storia dell’informatica ad essere messo all’asta il 15 giugno, tra i vari pezzi da collezione è presente anche una scheda madre funzionante del leggendario Apple I, il primo microcomputer della storia, assemblato da Jobs e Wozniak in appena 200 esemplari.

Quest’ultimo è un pezzo rarissimo, poiché esiste in 50 esemplari di cui solo 6 sono funzionanti e proprio quella in asta appartiene a queste 6, infatti in questo caso il prezzo di vendita stimato lievita a una cifra compresa tra i 120 e 180 mila dollari.

Guarda le foto Apple I

Foto Apple I

Le foto dell’Apple I, il primo computer Apple messo all’asta da Christie’s e vinto da Marco Boglione, patron di Robe di Kappa e Superga.

Condividi questa pagina con i tuoi amici
|

Commenti

Altre Notizie PianetaTech, news di tecnologia
27 luglio 2014

Pilotare un Jaeger di Pacific Rim con Oculus Rift (video)

Sembra davvero un ottimo momento per Oculus VR, la società produttrice del dispositivo per la realtà virtuale Oculus Rift: oltre all’ufficializzazione, pochi giorni fa, dell’acquisto da parte di Facebook e alle recenti... continua>
26 luglio 2014

Bose fa causa a Beats audio per proteggere la propria tecnologia di cancellazione del rumore

Sarà l’aria che tira in casa Apple, ormai abituata alle interminabili cause sui brevetti contro Samsung e altri colleghi, ma dopo il recente annuncio dell’acquisizione da parte del colosso di Cupertino anche... continua>