Privacy Apple, negli Usa parte una class action

Non si fermano le polemiche in merito al “caso” della presunta tracciatura degli spostamenti degli utenti da parte di Apple (poi estesa anche a Microsoft ed Android), che nei giorni scorsi ha scatenato reazioni ed accuse soprattutto negli Usa.

Il problema, secondo chi accusa il colosso fondato da , sarebbe all’interno del sistema operativo iOS: ci sarebbe un file che traccerebbe e memorizzerebbe tutti gli spostamenti degli utenti, non protetto da nessun sistema di sicurezza.

A queste accuse, ha voluto replicare lo stesso guru di Apple, che è intervenuto difendendo la propria azienda.

Jobs parla di notizie false e di nessuna tracciatura da parte della Apple nei confronti degli utenti. In realtà, non si tratta nè di un comunicato ufficiale e nemmeno di un’intervista da parte di Jobs, ma della risposta ad una email (una delle tante che in queste ore stanno riempendo le caselle di posta di casa Apple), di un utente che chiedeva spiegazioni in merito.

Intanto, il popolo della Mela negli Usa non si è certo fermato ed anzi ha presentato una class action contro Apple per presunta violazione dela privacy.

La class action è una causa legale in cui gli utenti e consumatori che si sentono parti lese presentano un esposto congiunto contro un’azienda o una società.

La causa è stata avviata a Tampa, in Florida, da parte di due utenti proprietari di iPhone ed iPad, che chiedono l’intervento della magistratura per bloccare la presunta raccolta dati, oltre al risarcimento per la spesa fatta per comprare i dispositivi incriminati.

Se avessero saputo che esisteva questo sistema di tracciatura, hanno dichiarato i due utenti, di certo non avrebbero acquistato i prodotti.

Nelle prossime ore vedremo quali saranno gli sviluppi in merito alle contestazioni dello stesso tipo fatte anche a Google per Android e a Microsoft per Windows Phone.

Condividi questa pagina con i tuoi amici
|

Commenti

Altre Notizie PianetaTech, news di tecnologia
27 luglio 2014

Pilotare un Jaeger di Pacific Rim con Oculus Rift (video)

Sembra davvero un ottimo momento per Oculus VR, la società produttrice del dispositivo per la realtà virtuale Oculus Rift: oltre all’ufficializzazione, pochi giorni fa, dell’acquisto da parte di Facebook e alle recenti... continua>
26 luglio 2014

Bose fa causa a Beats audio per proteggere la propria tecnologia di cancellazione del rumore

Sarà l’aria che tira in casa Apple, ormai abituata alle interminabili cause sui brevetti contro Samsung e altri colleghi, ma dopo il recente annuncio dell’acquisizione da parte del colosso di Cupertino anche... continua>