Pianetatech

Incidente treno Buenos Aires, boom video disastro ferroviario su Youtube

Disastro ferroviario Buenos AiresStanno facendo il giro del mondo attraverso il web le immagini relative all’incidente ferroviario avvenuto a Buenos Aires, in Argentina.

Il deragliamento di un treno della linea Sarmiento è avvenuto poco dopo le 8 e mezza (ora locale), all’altezza della stazione ferroviaria di Once.

Il convoglio, formato da diversi vagoni, è entrato all’interno della stazione a velocità sostenuta e, con ogni probabilità per un malfunzionamento dell’impianto frenante, ha terminato la sua corsa contro i respingenti presenti alla fine del binario sul quale stava viaggiando.

Il terribile impatto ha provocato il deragliamento del treno e una vera e propria esplosione all’altezza del congiungimento tra il primo e il secondo vagone del convoglio.

Foto Disastro ferroviario Buenos Aires Clicca le foto per ingrandirle

Nell’incidente hanno perso la vita una cinquantina di persone, e centinaia risulterebbero ferite.
Diversi passeggeri sono inoltre rimasti per lungo tempo intrappolati tra le lamiere contorte dei vagoni.
Poco dopo l’impatto, una tv del Paese dell’America Latina, C5N Argentina, ha pubblicato le immagini dell’impatto del treno catturate da una telecamera a circuito chiuso presente all’interno della stazione di Once.

Nel filmato, caricato poi su , è infatti possibile vedere la spaventosa sequenza dell’incidente del treno contro i respingenti della stazione.
La sequenza mostra il momento dell’impatto e l’esplosione avvenuta tra i vagoni del convoglio, e subito dopo alcuni passeggeri che fuggono via scampando miracolosamente all’incidente.
Qui di seguito il video diffuso da C5N su Youtube, e che ha fatto segnare migliaia di visualizzazioni in poche ore:

Immagine anteprima YouTube
Guarda le foto Disastro ferroviario Buenos Aires

Foto Disastro ferroviario Buenos Aires

Le immagini dell’incidente avvenuto alla stazione Once in Argentina, che ha causato decine di morti e molti feriti

Se ti è piaciuto questo articolo Seguici su Facebook! e su Twitter

Lascia un Commento