OpenOffice 3.4: nuova versione disponibile per il download

Arriva la versione di OpenOffice 3.4.  Questa release rappresenta a tutti gli effetti l’inizio di una nuova era per questa suite da ufficio e a sottolinearlo è il passaggio alla licenza Apache 2 che permetterà una maggiore e più facile diffusione della suite non solo tra l’utenza, ma anche tra gli sviluppatori, i quali avranno la possibilità di accedere al codice sorgente ed apportarvi cambiamenti per contribuire alla crescita delle applicazioni incluse nel pacchetto di software per l’ufficio, che per molto tempo è stata la soluzione principale nell’universo Linux.

L’adozione della licenza Apache 2 ha richiesto l’aggiornamento di svariate componenti e librerie interne, senza che le performance ne risentano particolarmente, anzi: secondo gli sviluppatori, la versione 3.4 di OpenOffice assicura prestazioni migliori che in passato, con diversi nuovi tool che permetteranno all’utenza Windows, Linux e Mac di disporre di una maggiore opportunità di scelta dei software preferiti per la gestione di documenti e delle attività da ufficio.

E’ stata inoltre apportata una vasta gamma di cambiamenti minimi, risolvendo alcuni bug e potenziando le performance di ciascun componente, in modo da poter proporre agli utenti un prodotto decisamente migliorato.

Staremo a vedere come gli utenti accoglieranno questa nuova ed importante versione del programma open source che offre le stesse funzionalità e gli stessi servizi del noto Office di Microsoft.

Condividi questa pagina con i tuoi amici
|

Commenti

Altre Notizie PianetaTech, news di tecnologia
15 aprile 2014

Il laser per guidare i fulmini

Una ricerca americana spera di sostituire i classici parafulmini con dei laser per dirigere in zone sicure la potenza dei fulmini (parliamo di un miliardo di joule di energia). LEGGI ANCHE: Scienziati generano... continua>
15 aprile 2014

Volvo progetta il seggiolino gonfiabile per auto

I seggiolini per auto sono una necessità fondamentale per chiunque voglia portare in giro il proprio bambino, ma sono anche una tortura medievale per i genitori, perché sono pesanti, ingombranti e noiosi... continua>